Carbonzucca

Il primo piatto perfetto per iniziare il pranzo di Natale

Sono arrivate le feste Natalizie e con loro le maratone di cibo e dolci. Quest’anno #Piattoriccomicificco presenta i suoi menù per le feste, un’idea nuova di intrattenimento culinario dove le materie prime più tradizionali si sposano con l’innovazione e con ingredienti più anomali. Un primo piatto con le zucchine, una carbonara natalizia che strizza gli occhi alla tradizione e che si veste di gusto e sapori tipici italiani ma con una nota iraniana grazie all’uso dell’oro rosso di Teheran.

Mangiamo in

4 persone

A tavola in

40 minuti

Livello

Medio

Costo

€€

La Videoricetta

La Videoricetta

Gli Ingredienti

  • Puntiglius
  • Uova
  • Porro
  • Zucchina
  • Parmigiano 
  • Speck

I Consigliati

 

Puntiglius La Fabbrica della Pasta Gragnano

Il Riepilogo

Il Riepilogo

Il Procedimento

Il Procedimento

1. Gli Ingredienti

2. Tagliare 

Tagliare a tocchetti la zucchina.

3. Grattare

Grattuggiare il parmigiano.

4. Avvolgere lo speck

Avvolgere a bastoncino lo speck e tagliarlo a dadini. 

5. Rompere le uova

In un contenitore aprire le uovae aggiungervi un pizzico di sale, pepe e il parmigiano. 

6. Soffritto 

Fare un soffritto con olio, speck e porro.

7. Aggiungere le zucchine

Dopo qualche minuto aggiungere al soffritto anche le zucchine tagliate precedentemente. Sfumare il tutto con un pò di acqua.

8. Cottura Puntiglius

Fate bollire abbondante acqua in una pentola e, aggiungere i puntiglius.

9. Impiattare

Ripassare la basta a bagnomaria con l’uovo sbattuto e servire calda.

Altre Ricette

Altre Ricette

Curniciell

Continuiamo il nostro menù di Capodanno con i Curniciell, un tipo di pasta firmato la Fabbrica della Pasta di Gragnano dal colore rosso vivo, ottimo per creare una pietanza colorata dal gusto unico.

La Caccavella

Inizia qui la nostra avventura con Fashion News Magazine, una rubrica che avvicina la tradizione all’innovazione. Primo protagonista un trittico di ricette con protagonista la Fabbrica della Pasta di Gragnano. Iniziamo da una delle più conosciute della collezione di Gragnano: la Caccavella.

Share This